Sana 2017: Cos’è – Perché andarci – Cosa visitare

Ciao a tutti,  avrei tanto voluto che questo post uscisse prima ma sono stata oberata e non mi è stato assolutamente possibile, spero comunque possa essere utile ai tanti che mi hanno fatto tante domande in merito al Sana 2017 (anche quando pubblicai il post della visita dell’anno scorso   in tanti mi avete scritto che volevate saperne di più).  So che ci sono tanti post e video di youtuber che spiegano e parlano del Sana ma dal punto di vista della cura del corpo e quindi dal lato “beauty” della manifestazione, ecco quindi che darò la mia opinione sul punto Food e affine della fiera. SANA_TWCARD1200x1200Placeholder

MA CHE COS’è IL SANA???  Il Sana è il salone internazionale del biologico e del naturale e si terrà alla fiera di Bologna da venerdì 8 a lunedì 11
settembre 2017.  Quest’anno le tematiche affrontate dalla fiera abbracciato a tutto tondo il concetto di “Green” e Bio: alimentazione, cura del corpo, lifestyle e considerano anche tanti piccoli settori tematici molto interessanti.  Riguardano sempre il Green Lifestyle e comprendono: Home & Office, Mom & Kids, Mobility, Clothing & Textilies, Pet & Garden, Hobby & Sport, Travel & Wellness.

Ho iniziato ad andare a questa fiera alcuni anni fa, non si trattava assolutamente della manifestazione che è diventata oggi (e lo dico con grande piacere e contentezza): erano un paio di padiglioni, molti meno i visitatori ma comunque  sempre fatta molto molto bene e con grandi iniziative. Ogni anno l’ho vista crescere sia come numero di espositori, sia come padiglioni, aree dedicate e temi trattati, fino ad espandersi alla cura del corpo e ai prodotti della cosmesi naturale (con mia grandissima gioia!!). E’ un grande evento sia per chi è appassionato del settore, per chi segue un alimentazione etica (quindi Vegetariana o Vegana) sia per chi fosse interessato per intolleranze o scelte personali, o magari solo perché semplicemente interessato al biologico. Inutile sottolineare il mio grande amore per questa fiera che sposa la mia passione per il Food e il mondo Bio.

Ma le domande che forse i più si pongono sono … Cosa vedere? Cosa e chi espone?? Quali sono gli STAND?? ma sopratutto: Perché andare al Sana????

Per quanto mi riguarda i motivi sono davvero tanti sia per gli appassionati del settore, addetti ai lavori e non, che consumatori. Cercherò di elencarli:

  • Perché innanzitutto è un ottima occasione per avvicinarsi al mondo del biologico (per coloro che ne fossero ancora allo scuro – pochissimi credo – o alle prime armi) e quindi approfondire il settore in genere a tutto tondo in una fiera dove ( come dicevo prima) ne vengono esposti, appunto, tutti gli aspetti ovvero: Alimentazione biologica, cura del corpo naturale e bio, green Lifestyle (che poi sono i tre temi principali del Sana 2017).
  • Perchè è una delle poche (se non l’unica) fiere del settore aperte anche al pubblico e che ha un prezzo del biglietto (a mio avviso) ancora basso e sostenibile ( si parla di 8euro se lo fate online e 10 euro alle casse in fiera, ma so che ci sono anche molte promozioni e sconti con varie aziende del settore). Questo perché credo e penso sia un grande incentivo per far avvicinare tutti a questo mondo e per far conoscere sempre più realtà, aziende, prodotti e temi dedicati.
  • Perché da la possibilità di conoscere meglio le aziende dei tuoi prodotti preferiti, conoscerne nuove, vedere le novità, capire la realtà e la filosofia di un azienda (da come si presenta, come espone i prodotti al concept che c’è dietro). Non parlo solo di aziende grandi e già note ma anche di quelle piccole realtà che si fanno strada e spazio nel mare del settore, che hanno grandi prodotti e che è giusto che vengano a farsi conoscere e vengano considerate sopratutto in queste manifestazioni, quindi anche giusto e lecito che vengano scoperte.  A tal proposito vi segnalo la pagina del sito ufficiale del Sana con il CATALOGO ESPOSITORI SANA  dove, diviso per categoria, oppure iniziale del nome dell’azienda, o regione di provenienza (e altri parametri) è possibile scoprire tutti gli espositori della fiera e ovviamente conoscerne dei nuovi se voleste prepararvi al meglio prima della vostra visita.
  • Perchè le iniziative di questa fiera sono ogni anno sempre di più: non si parla solo di esposizione ma anche delle numerose conferenze, novità ed eventi che la compongono.
  • Per il VeganFest:  l’evento Vegan indoor più grande e atteso d’Europa che crea in fiera momenti di workshop di cucina, incontri e conferenze di personaggi della cultura. Secondo me non per forza dedicato a chi è Vegano ma anche a chi vuole approfondire la tematica, scoprire e saperne di più. Quali aziende e stand visitare??? Quando si parla di “Food” è chiaro che si va su un concept molto personale e soggettivo, entrano in campo tantissimi parametri (personali e non), non parlo solo di gusto ma anche di scelte dettate semplicemente dalle proprie esigenze, quindi anche la visita ad una fiera come questa può essere “pilotata” da ognuno di noi in base ai proprio parametri personali (ad esempio: scoprire una nuova linea di pasta bio, o di succhi di frutta, o di prodotti vegetali, farine, prodotti per la colazione e gli spuntini, bevande vegetali, piuttosto che altro). Posso dire che, a mio avviso, gran parte dei grandi del settore del Bio e affini sono presenti e con grandissimo piacere anche tante piccole e medie realtà stanno emergendo e facendosi sempre più spazio quindi vi consiglio leggere l’elenco degli espositori e non perdervene nemmeno uno! Com’è divisa la fiera? E’ divisa in padiglioni (quest’anno c’è un nuovo layout espositivo) ognuno dedicato ad una tematica: i padiglioni 25 e 26 sono dedicati al Food esclusivamente ad aziende che espongono prodotti biologici certificati. I padiglioni 21 e 22 sono dedicati ai cosmetici naturali e biologici, ai prodotti per la cura del corpo ed agli integratori, mentre nel padiglione 16 trovate il Sana SHOP dove è possibile acquistare e il Vegan Fest. Un consiglio? Esplorate la fiera, perdetevi nei vari padiglioni, fermatevi, osservate, partecipate ai tantissimi eventi proposti da ogni stand e padiglione e aprite la vostra mente alle novità. 

    Sicuramente farò un post della mia visita anche quest’anno dove scriverò le mie impressioni, gli stand visitati, le novità e aziende scoperte e tanto altro.. nel frattempo.. Buon Sana a tutti coloro che decideranno (o hanno deciso di andarci) e a presto!

    Fede

Annunci

Spesa da EUROSPIN: cosa acquisto

Ciao a tutti, questa sera si parla di spesa!!!!!!!!!!!  Fare la spesa di determinati prodotti  (ovvero: latte vegetale, pasta integrale, o di mais, semi, cereali, hamburger vegetali, etc…) talvolta può essere difficile, costoso e complesso se non si sa come muoversi, cosa acquistare e soprattutto “dove”.  Magari molti pensano che questa tipologia di prodotti possa essere acquistata solo in negozi specializzati, o biologici. Ma non è così!  Ci sono tantissimi prodotti di qualità e ad un costo più che accessibile anche nei supermercati e discount. Ovviamente occorre sempre fare una cernita e vagliare molto bene il prodotto che si sta acquistando, valutarne le caratteristiche, ingredienti, provenienza e tanto altro (ma questo secondo me andrebbe fatto a prescindere da dove si acquista, quindi sempre!!).  Questo post infatti vuole proprio essere uno uno spunto su cosa si può trovare di interessante, valido e magari con ottimo rapporto qualità-prezzo. Ovviamente il discorso è rivolto a tutti coloro che vogliono acquistare tutti quei determinati prodotti (citati poco sopra) che oggi sempre più si stanno facendo spazio nel mercato e trovano anche grande riscontro, quindi di conseguenza, sempre più aziende propongono con le loro varianti, tipologie e formati. Questo vuol dire che è : assolutamente importante saper scegliere, valutare e acquistare in maniera intelligente, non solo per la nostra salute (o esigenza alimentare) ma anche per il portafoglio!!!

Questa sera quindi parliamo dei prodotti che acquisto quando faccio la spesa da Eurospin e che, ovviamente, mi piacciono, ho scoperto e penso siano validi.

Parto dai prodotti dalla linea “AMO ESSERE” che sono senza glutine o senza lattosio  e dalla pasta, ai biscotti, al latte, alcuni latticini, così come tipi di farine senza glutine, offrono davvero molta scelta, ottimi prezzi e sono di qualità. In alcuni casi, magari se legati a delle promozioni specifiche, li trovate raggruppati tutti insieme, oppure sicuramente nei rispettivi reparti, ma questo dipende dal punto vendita della vostra città.  Parlando della pasta di questa linea, ho preso “senza glutine” di MAIS e RISO sia spaghetti che fusilli (ma anche l’altro formato, le penne, sono molto buone). In tutti i formati la pasta tiene la cottura, ha un ottimo sapore e hanno un prezzo davvero competitivo e accessibile rispetto ad altri prodotti analoghi sul mercato. Mi sono piaciuti perchè la consistenza, la resa in cottura e anche l’aspetto della pasta è davvero interessante. Della stessa linea (AMO ESSERE) ci sono anche formaggi senza lattosio e latte alta digeribilità, io ho acquistato il latte senza lattosio e anche questo mi è piaciuto molto.

Anche il latte vegetale non manca nella mia lista degli acquisti e voglio segnalarvi questo latte di Riso Bio della Sunny Nature: senza glutine, senza zuccheri aggiunti, molto valido e conveniente. Ottimi ingredienti all’interno e per essere bio, anche in questo caso, ottimo prezzo.

Altra linea che mi piace molto che trovo da Eurospin è “Mi voglio bene” (di produzione della Pedon per Eurospin)  “mangio meglio mangio giusto” per semi oleosi e cereali tutti di ottima qualità, senza OGM, certificati Vegan OK e per quanto riguarda i cereali con tempi di cottura di 10 minuti (fantastico!!). Io ho acquistato, questa volta, tra i tanti che mi sono piaciuti, il Cous Cous di mais che mi ha sorpreso davvero e mi è piaciuto moltissimo, pronto in 5 minuti, pratico, versatile e molto molto buono anche per il prezzo! Della stessa linea , se li trovate, provate tutti i prodotti perché sono davvero davvero ottimi! La cosa migliore è andare al supermercato preparati, con lista alla mano, e con calma date un occhiata a tutto quello che può esservi utile, può piacervi ed è idoneo a voi. Basta leggere attentamente le etichette, gli ingredienti, valutare e approfondire..


Per ora è tutto ma non escludo, magari a breve, di fare un aggiornamento in merito, o di fare lo stesso post su altri discount. Di moltissimi prodotti, sapete che ci sono già le recensioni nella sezione del blog, correte a visitarla !!! Spero che questo spunto sia stato utile e se avete suggerimenti magari di prodotti che conoscete o avete provato e che vi soddisfano e non ho menzionato scrivetemi e fatemeli conoscere! 

Buonaserata..a presto!

Fede

 

 

 

I preferiti di #Ottobre

Ciao a tutti,

inizio oggi questa nuova serie di post dove vi parlo dei prodotti preferiti del mese, ovvero che mi sono piaciuti, che ho scoperto o che ho usato di più durante il mese. Ogni mese (spero con questa cadenza) parlerò dei prodotti che ho scoperto (o delle novità sul mercato che ho testato) e di quelli che ho più utilizzato e che mi sono piaciuti, dando così magari spunti e idee su prodotti già conosciuti o meno. Mi piacerebbe ampliare la classifica dei preferiti – col tempo o ad occasione – non solo alla categoria “food” (dal dolce al salato a chi più ne abbia più ne metta) e magari di volta in volta di poter inserire anche prodotti non food come utensili-aiutanti in cucina, o piccoli elettrodomestici e affini, così come i prodotti e detersivi e affini. Spero di poter fare un resoconto mensile, o se così non fosse, sempre inerente all’ultimo periodo. (abbiate venia.. ho anche una vita lavorativa e privata a cui dare conto.. 😛   Ma cercherò di essere il più possibile costante!!)

Iniziamo quindi questo primo post della categoria parlando di tutto quello che mi è piaciuto in questo periodo o che ho utilizzato di più:

  • Il primo prodotto prodotto di cui vi parlo è della Older e si tratta del loro dado vegetale al Miso. Infatti quando mi sono trovata questo prodotto davanti agli occhi mi sono fermata immediatamente perché ero curiosissima di provarlo. Inoltre, per una come me che non ama particolarmente i dadi o questi prodotti affini, mi sono davvero dovuta soffermare su questo prodotto perchè aveva tutte le caratteristiche per essere acquistato (almeno quelle che soddisfacevano me):
    • Senza Glutine
    • Biologico
    • → Senza Lievito
    • Senza Lattosio
    • Senza Glutammato
    • Senza grassi aggiunti
    • Senza Olio di Palma

gli ingredienti sono semplici, pochi e vegetali, in più il Miso è ai primi posti. Mi è piaciuto perchè: il sapore è delicato, non eccessivamente salato (anche se il sale è al primo posto degli ingredienti) e devo dire che anche un pezzettino in preparazioni di verdure o affini da un sapore davvero buono e gradevole. Promosso! Una novità che mi ha fatto piacere e mi ha dato moto di scoprire di più su questa azienda che non conoscevo, se mi capiterà e sarò interessata proverò altri loro dadi vegetali o affini.

  • Il secondo prodotto lo uso da diverso tempo, mi piace moltissimo e devo dire che lo ricompro ciclicamente perché mi soddisfa moltissimo per consistenza e resa. Sto parlando del Granulare di Soia della Fiori di Loto . Lo trovo facilissimo da usare, semplice e pratico in tantissime ricette. Oltre all’uso classico proprio per preparare polpette, hamburger, e ripieni si presta a mille altre preparazioni. Proprio in questo periodo l’ho usato tantissimo per diverse idee di polpette vegetali e altre ricette (Coming soon). Perchè mi piace: perchè è fatto con farina degrassata, perchè mi piace molto come azienda la Fior di Loto (utilizzo anche altri loro prodotto e mi sono trovata sempre bene), trovo molto pratica la composizione “a secco” quindi che va reidratato (permette quindi una buona gestione del prodotto nel tempo ma anche di decidere quanto e come reidratarne anche in base alle ricette e agli usi) e ha una resa davvero ottima e lunga (per quanto mi riguarda: visto che il prodotto va messo in ammollo e cresce una volta reidratato) e modalità di utilizzo infinite. Inoltre ha un ottimo rapporto qualità prezzo. Stra-promosso!!
  • Il terzo preferito del mese, è sempre della Fior di Loto e si tratta di una scoperta fatta in questo ultimo periodo e che mi sta piacendo moltissimo e mi ha dato mille spunti per tante ricette, si tratta della Farina di Piselli Bio che è davvero solo 100% farina di piselli, senza nessun altro ingrediente aggiunto e le modalità di utilizzo sono infinite: dalle semplici e classiche vellutate, a ottimo ingrediente per polpette e hamburger vegetali, frittelle, crocchette, torte salate…… Mi è piaciuta perché: la trovo davvero di ottima qualità, il sapore mi piace tantissimo (pensavo fosse più deciso il sapore del legume invece si sente il giusto nelle preparazioni), è macinata benissimo (molto fine e davvero di ottima consistenza), e trovo anche giusto il prezzo per quantità proposta (400gr)
  • Non posso non inserire nei preferiti del mese di Ottobre alcuni dei prodotti Verys di cui sono letteralmente innamorata (di alcuni ho già fatto le recensioni, di altri arriveranno a breve) e sono: fanno parte della loro linea di formaggi vegetali (quindi ChiccaStrachicco di cui vi lascio le mie recensioni QUI e QUI) e ovviamente anche le Slices !!!!!! Mi piacciono perchè: sono prodotti davvero buoni (nel senso di gusto, consistenza e qualità di ingredienti), ottima resa, fondono e filano davvero e hanno un sapore unico. Inoltre sono reperibili e davvero davvero affidabili in mille ricette. Davvero sono gli unici che si avvicinano davvero ai formaggi tradizionali.
  • Tornando a parlare di scoperte del mese, questa di cui vi parlo é della Isola Bio ed è un alternativa alla panna da cucina tradizionale ma è di riso, 100% vegetale (quindi senza lattosio e latticini e senza glutine). Si tratta della Cuisine di Riso , e mi è davvero piaciuta perché: innanzitutto l’ho trovata un idea davvero interessante che ha dato vita ad un prodotto altrettanto interessante e ben riuscito, ottimi sono gli ingredienti (riso, olio di girasole spremuto a freddo, acqua, farina di carrube e sale) e quando la lista è così corta e semplice può solo piacermi. La resa in tutte le preparazioni che l’ho utilizzata è stata ottima (dalla pasta ad altri usi mi è piaciuta molto: non si slega, non secca subito come la panna tradizionale, non è insapore ed è molto leggera e piacevole. Anche il prezzo, per essere un prodotto di questa categoria, non mi dispiace affatto. Anche questo: promosso!!!
  • Ultimo prodotto dei preferiti del mese (anche se sono più di uno), non è un prodotto food  e me ne sono innamorata proprio. Sto parlando dei prodotti della Winni’s Naturel . Ho avuto modo di acquistarli al Sana 2016 (vi lascio QUI il link del mio post resoconto e Qui  sul Sana 2016) e devo dire che, anche se conoscevo già il brand, non sapevo della loro linea dedicata alle Stoviglie alla quale con molta curiosità ed interesse mi sono avvicinata e ho deciso di acquistarli e provarla. E devo dire che sono rimasta molto soddisfatta, infatti penso che ne farò una recensione più approfondita in merito perché meritano assolutamente. Posso però anticiparvi che sono prodotti ottimi dal punto di vista sia della composizione chimica, completamente eco-compatibili ed eco-sostenibili, con un ottima resa (fondamentale per questa categoria di prodotti )e con un ottimo prezzo rispetto al qualità e quantità del prodotto ! Ho provato per la lavastoviglie: le Tabs, il Gel Lavastoviglie, il Cura lavastoviglie e il brillantante; e per i piatti il sapone all’Aloe. Come dicevo li ho acquistati in fiera al Sana ed erano scontati ma ho riscontrato che anche nella grande distribuzione hanno comunque un buon prezzo e i lati positivi per cui usarli sono davvero tantissimi, ma come vi avevo anticipato, ho deciso di dedicare una recensione magari più approfondita, a breve.

Per questo primo articolo di questa tipologia di preferiti, è tutto, spero il prossimo mese di avere altri spunti e idee da condividere e proporvi. Spero vi sia interessato e piaciuto questo post e …a presto come sempre!!!!

Fede

Sana 2016 : Aziende & prodotti piaciuti, scoperti, novità.

Eccomi con la seconda parte del mio Sana 2016 (la prima parte la trovate cliccando qui)

Questo forse (dopo le recensioni di tanti prodotti food e affini) è stato uno dei post che mi avete richiesto di più su social, email e direct del blog. Sono molto contenta che la prima parte sia piaciuta a tanti, mi sento lusingata e contenta perchè ho onestamente espresso solo il mio pensiero e riportato un qualcosa che ho davvero vissuto con piacere e tanto interesse e sapere che è stato apprezzato ed è stato utile ad altri, mi ha fatto davvero super piacere.

Tornando a noi, questa seconda parte del mio racconto Sana 2016 (che mi scuso se arriva a quasi una settimana dalla prima parte ma è un periodo davvero di fuoco per me, ma non preoccupatevi ho già pronti infatti nuovi post, recensioni e ricette… insomma.. anche se a rilento ci saranno novità !!) sarà incentrata sui prodotti e le aziende che ho scoperto al Sana 2016, che mi sono piaciuti e le novità dei marchi che già conoscevo.

I padiglioni di quest’anno erano cinque:

  • il pad.36 incentrato sulla Cura del Corpo Naturale e Bio
  • il pad. 25 e 26 sull’Alimentazione Biologica
  • il pad. 29 e 30 sul Green Lifestyle

Ovviamente li ho visitati tutti, quelli in cui ho passato la maggior parte del tempo, mi sono soffermata e ho approfondito la conoscenza di tante aziende, sono stati quelli inerenti all’Alimentazione Biologica. Ho anche una grande passione per la Cosmesi Naturale e cerco di acquitare prodotti con inci il più verde possibile, e devo dire che nel padiglione della Cura del Corpo ho trovato davvero nuovi prodotti da acquistare e conosciuto nuovi marchi. Cooming Soon!!

Per iniziare direi che posso partire dicendo che i prodotti alimentari che meriterebbero di essere menzionati sarebbero tantissimi, io ho fatto una cernita dei miei preferiti, di quelli che mi hanno colpito e dei miei “must have” di ogni spesa.  Parto quindi con il parlarvi innazitutto di Fior di Loto(mi piacciono molto diversi dei loro prodotti dalle farine (non vedo l’ora di cucinare qualcosa con la loro farina di Piselli!), i biscotti della linea Vegan, ma anche la linea Classica..etc..) e sono felice del fatto che la loro nuova linea di biscoti Bio senza olio di Palma. Super carina è anche la loro iniziativa sui social con l’hashtag #Bioimpronta per condividere il proprio gesto quotidiano, appunto la propria impronta, sui gesti che ci avvicinano all’amare la terra, rispettarla e proteggerla.

Sono passata anche allo stand Sojadè , dove ho provato lo yogurt vegetale al Mandarino e Cioccolato e Canapa (novità della Fiera). Davvero buoni, ricchi di sapore e con una buona consistenza . Sul marchio non ho nulla da aggiugere perchè so essere stra-conosciuto e di qualità! Acquisto spesso dei loro prodotti e mi sono sempre piaciuti tutti.

Meritano di essere menzionati tra i prodotti che mi piacciono (e che quindi uso e acquisto)e mi sono piaciuti di questo SANA 2016: i prodotti ARBE. Fanno erbe e sia spezie singole che in preparati per ogni ricetta, senza sale. La loro linea di spezie VERO BIO: la trovo, oltre che ricca di preparati per ogni ricetta (dal pesce, alla carne, alle verdure, oppure per ricetta) molto originale, di qualità (sono tutti prodotti senza sale, conservanti o altri ingredienti, sono solo spezie!) e super interessante. Tra i pochi sul mercato (secondo me forse quasi gli unici) a preparare la spezie davvero così con qualità, senza sale o conservanti, Vegan OK. Anche loro, spesso sono (e saranno) nel mio carrello 😀

Non lo conoscevo e voglio assolutamente approfondire in merito (e acquistare i loro prodotti per scoprirli tutti) i prodotti: Mandorlella  Dall’olio di Mandorla, al latte di Mandorla, fino ai prodotti (per me) davvero originali come la Mandorlella (alternativa vegetale a base di Mandorla sia classica che aromatizzati), Fondella e Mandonese (alternative alla maionese classica). Mi è piaciuto un po’ tutto di loro: l’originalità del prodotto, il sapore, l’ambiente e il territorio dove producono (si trovano nel cuore del parco dell’Alta Murgia), il prodotto usato (Mandorla di Toritto) .. e poi vendono online!!

Tra cibo e alimenti, bevande e succhi, ho avuto anche il piacere di approfondire le proprietà e quindi saperne di più a riguardo su un’Acqua Naturale: Lauretana. Conoscevo il prodotto, l’ho vista spesso in Iper e Supermercati ma ho avuto il piacere di approfondire in merito scoprendo che (per chi fosse interessato a queste proprietà e caratteristiche, ricordo che è fondamentale anche valutare l’Acqua che beviamo, per la nostra salute): è un’acqua leggera (ha un basso residuo fisso, quindi favorisce la diuresi), è considerata un’acqua dolce ( nel senso di durezza) quindi aiuta a prevenire la formazione dei calcoli renali) ed è iposodica. Non nascondo che da oggi in poi la includerò tra le mie acque preferite da acquistare perchè davvero non conoscevo e non avevo mai approfondito questi aspetti, acquistando sempre le solite marche abitudinarie.

Bellissimo e interessante anche lo stand Germinal dove ho avuto modo di assaggiare alcune delle novità “i Freschi” (ottima l’insalata russa vegetale) ma altrettanto interessanti tutta la gamma: Bio, Vegan, Senza Glutine. Anche su di loro non mi dilungo perchè sono TOP in tutti i sensi 🙂

Parlando di prodotti “del cuore” (marchi che adoro e mi piacciono tantissimo) allo stand Alce Nero ho assisito al cooking show dello Chef di cucina vegetale Simone Salvini (ne avevo parlato anche nel primo post sul sana) e appronfondito la conoscenza di gamma prodotti che già mi piacevano (linea frollini, pasta, farine.. Alce Nero ha davvero una gamma infinita di prodotti tutti davvero ottimi, non potete non conoscerli!) infatti ho già pronta, anche per loro, la lista di prodotti di prossimo acquisto!

Nel pad. 25 nel biomercato di NaturaSì come ogni anno era possibile acquistare e conoscere (o scoprire) tutte le aziende ed i prodotti che loro vendono e distribuiscono. Quest’anno era possibile acquistare anche prodotti agricoli, frutta e verdura. L’ho trovata davvero una bella iniziativa ( così come la grande disponibilità di quasi tutti gli stand aderenti) sempre accoglienti, gentili e predisposti a far conoscere i propri prodotti: facendoli assaggiare, parlandone e spiegandone origine e lavorazione.

Con piacere sono passata allo stand di Mozzarisella (che adoro tra i miei preferiti: la Mozzarisella (con cui ho realizzato delle ricette, le trovate nel blog cercando nelle sezioni dedicate) sia Classica che Fumè, la Spalmarisella) e con piacere ho conosciuto altri due prodotti che non avevo ancora mai assaggiato (ma che penso ovviamente di acquistare quanto prima perchè li ho trovati davvero buonissimi) e sono le fettine gusto Cheddar e con Basilico (una bomba!), tra i prodotti in prossimo acquisto, ovviamente, non posso non includere anche la BluRisella!!!! Mille idee mi sono subito frullate in testa e tantissimi spunti per ricette e abbinamenti… Cooming soon 😉

Allo stand di Isola Bio sono passata volentieri perchè ero curiosissima di provare la Linfa di Betulla di cui avevo già letto a riguardo e devo dire che il sapore è davvero particolare e molto interessante: E’ senza grassi, a basso contenuto calorico e fonte di manganese. La acquisterò sicuramente! Io con piacere allo stand ho avuto modo di congratularmi per i loro prodotti e sottolineare simpaticamente che destino gran parte dei miei acquisti della spesa (tra altri marchi che acquisto). Ci sono recensioni sul blog del mio latte di avena preferito: il loro Latte di Avena Light, Avena Calcio ma adoro anche la loro acqua di Cocco e tutte le Cuisine (la linea di alternative vegetali alla panna da cucina) anche di queste trovate recensioni e ricette dove le ho usate nelle sezioni del blog!

Con grande piacere ho scoperto un’azienda che non conoscevo Regina Verde  specializzati in prodotti composti al 100% da ingredienti di origine vegetale. Ho avuto il piacere di assaggiare alcuni prodotti in fiera e sono rimasta davvero colpita per tanti aspetti: la consistenza, il sapore, l’aspetto e l’originalità del prodotto. Ho trovato davvero ottimi i loro affettati vegetali Fetta Rustica e Fetta Audace (a base di Seitan) ma il prodotto che davvero mi ha colpito sono stati gli Stizikinzy: a base di tofu e seitan, in vari tipi (classico, gusto ricco, mexico) che acquisterò sicuramente (così come altri prodotti Regina Verde) e ve ne parlerò anche accuratamente perchè sono davvero un prodotto diverso e nuovo rispetto ad altre marche affini. –> Si possono trovare al NaturaSì

Il Tofu, croce e delizia dell’alimentazione vegetale, come ho detto più volte è un alimento che a me piace (dipende sempre dalle aziende e dalle tipologie, ovviamente ho il mio preferito): lo trovo versatile, pratico e se cucinato bene (e prodotto bene) è davvero un ingrediente interessante e versatile, però so che è un alimento che divide e non piace a tutti. Al Sana ho avuto modo di approfondire e assaggiare (cucinato e condito al momento) alcuni prodotti Taifun che oltre a fare tofu classico, naturale e vellutato propone anche una vasta gamma di tofu aromatizzati (al basilico, alle olive, al Curry, all’Aglio…. e tanti altri) ma sopratutto.. affumicato! Si, avete letto bene: affumicato e allo stesso tempo anche in varianti aromatizate (mandorle e sesamo, erbe, etc..). Ma anche Tofu-viennesi, barbecue che davvero sono molto gustosi e un alternativa molto interessante ai prodotti di carne. Senza che vi dico che anche loro, presto, saranno non solo nel mio carrello ma fissi nella lista periodica della spesa!!! Quindi se vi capita di vedere in giro questo marchio, a mio parere e gusto, provatelo davvero perchè sono prodotti molto originali e fatti davvero bene (sempre con le caratteristiche dei prodotti vegetali: senza colesterolo, senza uova e latticini – o alcun derivato animale – quindi Vegan ok, senza OGM..)

Ho avuto modo di assaggiare anche dei prodotti di pasta fresca, sempre 100% biologici, di alta qualità, classica ma anche per vegani e vegetariani: La Spiga Bio. Ve ne parlo perchè mi hanno lasciato davvero sorpresa piacevolmente sia per i prodotti proposti (l’accostamento dei ripieni, così come la linea dei prodotti è davvero interessante) senza contare che alcuni prodotti li avevo già acquistati e mi erano piaciuti davvero tanto: ottima sfoglia (giusto spessore, delicata, non copre il ripieno), ottimo il ripieno (gli ingredienti all’interno si sentono sempre e si sposano bene tra di loro) e, almeno quelli che avevo comprato io, avevano tenuto benissimo la cottura. Quindi sono passata con molto piacere per conoscere altri prodotti e ho scoperto di più: sulla linea Vegan (molti dei loro prodotti sono preparati con all’interno dei ripieni la Mozzarisella, Blurisella o prodotti affini della linea Mozzarisella (Eureka!!). Hanno anche (sempre della linea Vegan) gli gnocchi, mentre per la linea Vegetariana (comunque senza uova) ho scoperto che viene usato grano italiano e grano Cappelli e ho trovato molto interessante il raviolo con la mozzarella delattosata e pomodoro. Che ve lo dico a fare, anche loro, saranno spesso nel mio carrello della spesa! 😀

Concludo questo post kilometrico (ma davvero lo meritava il Sana di quest’anno) condividendo due cose che trovato davvero super carine nel mare di gadget, buste con logo e affini proposte dalle aziende e non, di questa fiera:

  • Davvero carina come idea, super didattica per i bambini (ma anche per gli adulti, perché no!) e super esaustiva ed esplicativa del concetto di Bio ed ecologico, l’omaggio che davano a tutti allo stand Coop Vivi Verde: un bicchierino in Mater bi (qundi biodegradabile e compostabile) con all’interno dei semi di Basilico e cialda di Torba. Con tutte le istruzioni, in 4 semplici mosse, per far crescere questo seme e farlo diventare piantina, seguite anche da una breve (ma esaustiva) spiegazione sul perché scegliere di comprare Biologico italiano. Top! Senza contare che io sostengo da sempre che i prodotti Vivi Verde (alimentari e di cosmesi) siano davvero ottimi, quindi bravi, bravi, bravi!
  • Ben fatta anche come idea quella di dare il Sample per igiene femminile Organyc  http://www.organyc-online.com/it/ con allegato un depliant molto esplicativo in merito. Non conoscevo l’azienda e con piacere ho scoperto anche che fa prodotti di igiene femminile in 100% cotone biologico ma anche salviette, dischetti di cotone, cotone appunto e affini. Anche solo dai sample ricevuti mi hanno già dato un ottima impressione e sicuramente proverò ad acquistare i loro prodotti perché (oltre al discorso del cotone biologico sia inteso come prodotto per igiene che per assorbenti e salvaslip – di cui hanno una vasta gamma di prodotti (per ogni esigenza) il loro cotone è sbiancato senza cloro, non hanno nessun profumo e niente nichel, non hanno plastica perchè sostiuita da mater bi, sono biodegradabili e addirittura la confezione esterna è in cartoncino riciclato! Sono pluricertificati bio e Vegan Ok. Davvero molto interessante 🙂

Come per il precedente ( e altrettanto lungo!!) post del SANA 2016: vi ringrazio davvero di cuore se siete arrivati a leggere fino in fondo, se avete dedicato tempo alla lettura della mia recensione e se vi è piaciuta fatemelo sapere (anche se volete segnalarmi marche – che magari conosco ma che nel mare di depliant, biglietti da visita e materiale raccolto non menzionato per dimenticanza – o magari non conosco!) o volete condividere con me le vostre impressioni.

I contatti email li trovati sul blog oppure sui social (i riferimenti sono tutti sul blog!)

Al prossimo post e Buon Weekend,

Fede

 

Sana 2016 : Impressioni,Cooking Show & Co.

Ciao a tutti!!!!! Non sono sparita (in tanti mi avete scritto che erano giorni che non postavo ricette, né davo segni di vita sui social!!) ma sono stati giorni di fuoco e come tante mamme, essendo i giorni pre-scuola.. potete capire che sono stati giorni davvero impegnativi, di mille cose da fare  ecc.. il tutto ovviamente si accompagnava alla vita di tutti i giorni… sigh!! Inizio questo post quindi ringraziando i tanti che si sono iscritti al blog, alla pagina del blog su Instagram e Facebook in questi ultimi giorni e a tutti quelli che mi hanno mandato direct, messaggi privati ed email: non smetterò ma di dirlo non mi sarei mai aspettata così tanto interesse. Mi fa sempre molto piacere ricevere i vostri complimenti, le vostre domande, quesiti vari…   Quindi GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE!!!!

Finito questo cappello iniziale, come da titolo direi di parlare dell’evento della scorsa settimana e appena terminato: il Sana 2016. Per i pochissimi che non sapessero di cosa sto parlando: il Sana è il salone internazionale del biologico e del naturale, inteso come alimentazione, beauty e lifestyle. Si tiene a Bologna, in fiera.

Ovviamente questo non era il mio primo Sana, anzi, posso con orgoglio dire che andavo al Sana già diversi anni fa, quando parlare di biologico, vegetariano o addirittura vegano in Italia era ancora qualcosa molto di “nicchia”  e per “pochi”. Basta pensare che  l’estensione dell’esposizione in fiera era nettamente inferiore a quella di oggi, idem per gli espositori, i marchi presenti in fiera, i convegni e i temi trattati. Quindi posso davvero dire di aver visto la crescita, il cambiamento e l’evoluzione di questa fiera, in positivo ovviamente. Proprio stamattina leggevo che anche questa edizione del 2016 è stato un vero successo (come ogni anno passato lo è stato, ma in particolar modo questa edizione 2016): ha segnato in maniera evidente la crescita del settore di biologico e naturale, nel senso che ormai sia per espositori (quindi Aziende) che per visitatori (sempre più privati e non solo operatori del settore) è diventato un appuntamento fisso.  Rispetto alle passate edizioni, questa del 2016 ha ampliato: il numero di visitatori, il numero di espositori (e quindi interesse collettivo e di condivisione dell’evento sui social) ma soprattutto anche l’esposizione è aumentata rispetto alle precedenti (più stand dedicati e divisi per aree di interesse: Alimentazione Biologica, Cura del Corpo naturale e bio, Green Life style). Tantissime anche le novità, che personalmente ho trovato davvero molto interessanti e tutte ben organizzate e strutturate: a partire dal Sana Shop dove si potevano acquistare i prodotti delle aziende espositrici di tutti i settori e tanto altro ancora, Sana Novità (segnalate anche nell’elenco degli espositori) per evidenziare subito le novità di questa edizione, tantissimi Convegni, incontri e workshop.  Tantissimi anche i Cooking Show organizzati dalle varie aziende, nei vari stand, e con tanti nomi importanti del settore. Io personalmente ho partecipato al Cooking Show di Stefano Broccoli allo stand di Funny Vegan Magazine. Grande pasticciere Vegan, se non uno dei migliori in Italia oggi. Un vero talento  e finalmente al SANA (dopo tanto seguirlo su riviste e sua pagina Facebook dedicata) ho potuto finalmente assaggiare una delle sue creazioni (se vivessi vicino alla sua pasticceria sarebbe un guaio..!!!!) : tartellette di frolla Vegana con Crema Vegana e frutta (le foto parlano da sole direi..)

img_5024

Sempre da Funny Vegan, nel loro stand, c’è stato il Cooking Show dello Chef Simone Salvini (che durante il SANA ha fatto anche altri Cooking Show allo stand Alce Nero) dove ha presentato la sua Academy: la sua scuola di cucina professionale Vegetale, diretta e fondata dallo chef Salvini. Putroppo non ho foto perché ero rapita e presa dall’ascoltare o seguire ogni mossa: vedere uno chef all’opera è sempre uno spettacolo. Provare per credere!  Di Funny Vegan cosa dire?? E’ una rivista che a me piace assolutamente , inoltre trovo davvero interessante, e assolutamente da approfondire il discorso legato alla loro Academy: centro di formazione per professionisti e privati che vogliono avvicinarsi a una cucina naturale e vegan. Spulciavo nel depliant che tra i corsi c’è anche quello di pasticceria Vegetale con Stefano Broccoli, ma anche un corso di Food Street con Giuseppe Tortorella e di cucina per la famiglia con Mara di Noia. Non vi nascondo che mi piacerebbe moltissimo partecipare…chissà..

Altro grande incontro al quale ho partecipato è stato allo stand PROBIOS con Paola Maugeri e con Cooking Show della sorella Chef Francesca Maugeri. La Maugeri è sempre la Maugeri: super competente, super simpatica, super coinvolgente. L’incontro era su alimentazione consapevole, Vegan e Cereali Integrali. Tre argomenti che ultimamente mi stanno a cuore e sto approfondendo sempre di più. Soprattutto quello che riguarda l’alimentazione consapevole, l’alimentazione con alimenti integrali, naturali e sempre meno raffinati (se non del tutto integrali, quando si può). Quindi anche qui grande occasione di scambio, crescita e grande interesse, almeno per me lo è stato. Senza contare il fatto che io proprio a Probios destino gran parte della mia spesa alimentare! 😛 (ma questo è un altro discorso…comunque sottolinea ulteriormente il gran connubio a cui ho preso parte!)

img_4958
Altra novità era all’interno del VeganFest (già presente anche gli altri anni) quest’anno assolutamente rivoluzionato con un area LIVE con cooking show, degustazioni, dimostrazioni e l’Area Gelato VEGANOK. Nell’area Gelato ho avuto modo nuovamente di gustare il gelato di OLVi’ by Fugar che devo dire si dimostra anno dopo anno (lo avevo assaggiato anche l’anno scorso) il migliore gelato della categoria: senza latte e derivati, senza glutine e senza saccarosio, con olio d’oliva. Infatti mi sto assolutamente interessando dei rivenditori di zona, gelaterie o ristoranti, bar e affini perché è diventato davvero il mio preferito. Ovviamente anche il link in merito a Olvì Gelato .

img_4993
Da raccontare e da dire ce ne sarebbe per almeno altre mille righe, ma mi piace dedicare questo primo post del mio SANA 2016 alle cose che mi sono piaciute e alle quali ho preso parte e delle mie impressioni. Parlando sia sui social, che nella vita di tutti i giorni, mi viene spesso chiesto in cosa consistono queste fiere, come ci si organizza, da dove si parte, cosa si visita prima e cosa dopo… Le risposte, anche in questo caso, possono essere molte, diverse e del tutto soggettive. Dal mio punto di vista il SANA è una fiera che va vissuta a pieno. Nel senso che è importante visitarla, stand per stand dedicato (o padiglione di maggior einteresse, come si voglia) ma è ugualmente importante “viverla”: partecipare ai tanti incontri, seminari, Cooking Show che ci sono, dibattiti sulle mille tematiche affrontate (sempre in base ai propri interessi, ma anche per ampliare le vedute, farsi nuove idee e venire a conoscenza di cose fino a poco prima ignorate!). Secondo me va intesa come una grande occasione di apprendimento, scoperta, appronfodimento e ricerca. Sia intesa come prodotti alimentari che possono ampliare la nostra tavola, le nostre ricette e i nostri orizzonti di alimentazione, sia come lifestyle etico e pratico (sia se intendiamo sposare una determinata tipologia di vita, o di stile di vita eco compatibile, non impattante e non inquinante eccessivamente e via discorrendo e sia se vogliamo solo appronfondire in merito e cercare di iniziare a vivere un po’ più green e meno dannoso per noi e l’ambiente). Ma la cosa davvero importante è che: sia che voi siate vegani, vegetariani, onnivori, salutisti o meno secondo me tutti dovrebbero visitare il SANA: per cultura, per approfondimento e per curiosità.  Gli spunti, le alternative, così come le novità sono ogni anno sempre di più e ogni anno catturano sempre più interesse, in ogni ambito: alimentare, etico, cura del corpo, lifestyle. Io, dato che è una fiera che (menomale!) negli anni ha davvero fatto mitosi dei suoi mq di esposizione e quindi dove si cammina davvero tanto (ci si sofferma di tanto in tanto, si guarda, si ascolta, si sta molto in piedi e via dicendo..) ci sono dei momenti dove (che si sia blogger, privati o addetti al settore) si hanno le mani, inevitabilmente, piene di dépliant, prodotti, biglietti.. e bisogna fare sempre un po’ di ricognizione, ecco quindi che ci si siede o ci si apparta a lato dei mille corridoi in fiera. E’ li che mi è capitato di osservare. E’ li che puoi scorgere il vero volto di questa fiera: non solo addetti ai lavori ma sempre più privati, sempre più visitatori comuni e sempre più interesse. Mi è capitato di cogliere commenti, espressioni e opinioni ora su questo e su quell’argomento (sempre inerenti alla fiera, chiaro) e discordanti o meno che fossero mi ha fatto piacere abbiano comunque fatto porre delle domande, assaggiare in alcuni casi nuovi prodotti e fatto conoscere tante piccole ma grandi realtà di Aziende Italiane che lavorano il biologico in maniera eccellente (magari non conosciute prima). Questo ho pensato fosse il vero senso di questa fiera. Sono perfettamente consapevole che queste fiere sarebbero dedicate esclusivamente agli operatori di settore e non ai privati, ma, reputo, che sia altrettanto valido ed importante per un’azienda ricevere un commento, un complimento, una domanda (o perché no una critica) anche direttamente da chi compra i suoi prodotti o comunque da chi tutti i giorni fa scelte al supermercato (che forse è ancor più importante come aspetto..). Dico questo perché il privato può sembrare che faccia perdere tempo rispetto al contatto diretto e lavorativo di un fornitore o un rivenditore ma regala comunque un opinione sincera e onesta all’azienda in maniera diretta, senza filtri o ricerche di settore. E’ immediata, così come la risposta di mercato all’uscita di un prodotto. Ormai è risaputo che sempre più privati e non addetti vengono a visitare queste fiere e come viene curato l’aspetto per blogger e addetti al settore, reputo che sia altrettanto importante considerare il privato e non scacciarlo o liquidarlo in malomodo (sempre tenendo presente educazione e rispetto, la maleducazione è un altra cosa.. ma non è questa la sede per parlarne.) Con grande piacere infatti, ho potuto constatare che diverse aziende hanno accolto comunque con piacere la visita di privati cogliendo l’occasione per un riscontro immediato.

Tornando al mio Sana 2016: è stata una bellissima occasione per conoscere tante aziende che non conoscevo, prendere contatti, far conoscere il blog, visitare chi aveva chiesto di conoscermi .. ma lascio ad un altro post i prodotti e i marchi che mi sono piaciuti, gli acquisti fatti e altro perché questo post è diventato super lungo!!!!

Se siete arrivati a leggere fino a qui, i miei complimenti, grazie infinite per il tempo dedicato e per aver letto tutto il mio post e come sempre se vi fa piacere scrivetemi o contattatemi sui social e seguite i blog per non perdervi i prossimi post e le prossime ricette. In arrivo ci sono delle recensioni food e una ricetta! Sempre dopo il post #2 del Sana..a breve… Stay Tuned!!!!!

Fede

 

 

 

 

Brodo Vegetale con 7 verdure_Alce Nero

Ciao a tutti, oggi torno a parlarvi di un prodotto in cucina che davvero mi piace e che suo da tempo (nonostante non ami molto la categoria) sto parlando di un prodotto di Alce Nero: Brodo Vegetale con sette verdure Granulare.

Come avevo preannunciato non amo particolarmente la categoria dei “dadi” e insaporitori sul generis: li trovo troppo carichi di ingredienti lontani dallo scopo originale e sale. Invece devo dire che questo prodotto di Alce Nero mi ha stupita. L’ho scovato un giorno, in un negozio biologico e poi ho fatto caso che in due ipermercati, molto forniti, della mia città era presente. Quindi super reperibile direi! I prodotti Alce Nero mi piacciono di solito, alcuni più altri meno (come può accadere con tante marche) ma gusti a parte, quello che ho sempre riscontrato di questi prodotti è la “qualità”. La stessa che ho riscontrato anche in questo brodo vegetale granulare:

  • Innanzitutto è davvero Biologico come dichiara la confezione e soprattutto il marchio Alce Nero (ha come slogan “Il buono del biologico”) quindi..
  • E’ prodotto in Italia
  • Senza Glutammato, senza Lattosio, Senza estratto di Lievito o uso di alcun tipo di olio vegetale soprattutto senza OLIO di PALMA (e viene dichiarato anche sul retro della confezione!)
  • le 7 verdure dell’etichetta sono davvero presenti negli ingredienti della composizione del prodotto e sono tutte ai primi posti: patata, cipolla, carota, sedano, basilico, prezzemolo, pomodoro )
  • non ha zucchero raffinato ma di canna
  • contiene Curcuma (ottimo ingrediente, soprattutto per un insaporitore o prodotto di questa categoria)

Tutti questi aspetti li ho ritrovati (quelli visivi ovviamente) nella consistenza del prodotto: è sabbioso (ma piacevole al tatto), molto profumato (ma non è un profumo chimico o incisivo è piuttosto vicino ai profumi di verdure direi) e l’aspetto cristallino del sale (tipico dei granelli) è davvero poco visibile, indice, secondo me, che è in quantità davvero minima.

Si scioglie in un attimo e il sapore che dona è molto delicato e ricorda davvero il brodo vegetale casalingo senza quel sapore e sentore “artificioso”.

 

Oltre alla versione granulare, ho provato (e mi piace altrettanto, anche se preferisco di gran lunga il granulare!)la versione classica divisa fisicamente in dadi porzionati quindi la confezione da 10 dadi. Anche questa senza Olio di Palma, biologico e con 7 verdure, unica differenza (rispetto al granulare) è che contiene Amido di Mais ed estratto di lievito.

 

Vogliamo parlare del packaging? Anche perché, se proprio lo devo dire, è l’unica nota dolente, almeno per me. Non affatto per l’etichetta, il marchio o i materiali usati ma più che altro per la confezione e il tappo: non è la prima volta che mi scivola o scappa da solo dalla confezione facendo cadere tutto il prodotto (se sono fortunata su un ripiano o come mi è capitato una volta completamente a terra!). Quindi andrebbe rivisto : magari anche sostituendo il tappo con uno semplice di plastica che invece che incastrarsi all’interno della confezione la sigilli fino ai bordi esterni (classico tappo a chiusura dei contenitori cilindrici di tante marche..per capirsi..). Per il resto questo prodotti, per me, è TOP sia come ingredienti che resa, soprattutto!

Spero la recensione vi sia stata utile e se vi va passate a trovarmi sul blog per vedere le ricette o recensioni caricate!

Fede

 

Yogurt di SOIA Bianco Naturale_ Sojasun

La recensione di oggi è tutta dedicata ad un prodotto che mi ha letteralmente conquistata e non potevo non condividerlo. Parliamo di Yogurt di Soia. So che è un argomento particolare: la soia piace e non piace, soprattutto il suo sapore, latte, tofu o yogurt che sia so che divide molto i pareri. Quindi qui parliamo di gusti, quindi di pareri soggettivi, nel mio caso finalmente ho trovato LO YOGURT DI SOIA per eccellenza, per quanto mi riguarda.

Ne ho provati tanti, di diverse marche, ma c’era sempre “qualcosa” che non mi convinceva: potevano essere gli ingredienti (o uno di essi), il sapore, gli aromi.. insomma qualcosa mi faceva sempre storcere il naso o accontentarmi. Tutto questo finchè non ho trovato della SOJASUN il Natural – Bianco Naturale. Ovviamente è 100% vegetale,  arricchito con Bifidus e Calcio. La lista di ingredienti è corta, semplice, e piena di cose positive. Inizio con il dire che uno dei fattori principali è che NON ABBIA LO ZUCCHERO ALL’INTERNO quindi non è dolcificato! per me un punto a favore anche solo per quello 😀 La lista, come dicevo, vede al primo posto la soia (cosa secondo me sempre buona) : Succo di soia al primo posto (acqua, semi di soia 9%), fosfato di calcio, fermenti selezionati tra quali Bifidus Bacterium ed Acidophilus. La soia della SOJASUN è garantita che sia SENZA OGM. Ovviamente il prodotto è senza lattosio e senza glutine (trovate le certificazioni 100% vegetale e No glutine riportate sulla confezione!). Passiamo ora con il dire che il sapore è meno intenso di tutti gli yogurt di soia di categoria, meno forte e decisamente più naturale .. meno leguminoso  e legnoso (si, la soia, che ci piaccia o no, ha un sapore tutto suo, e come dicevo prima: piace o non piace!). Adoro il fatto che non sia né aromatizzato né tanto meno zuccherato perché mi permette di mangiarlo al naturale, di dolcificarlo a piacere e arricchirlo come più mi piace (sia per se voglio aggiungerlo come ingrediente a ricette salate o dolci) davvero, per quanto mi riguarda, ottimo fattore questo. Mi piace il fatto che sia compatto infatti con i cucchiaino affondate e fate il solco per iniziare a mangiarlo ma appena lo mescolate diventa cremoso e liscio che stupisce. Io lo adoro con del dolcificante naturale o zucchero moscobado e magari crusca di avena o fiocchi di avena. Lo adoro con la frutta tagliata,  e come avevo già accennato è ottimo anche per cucinare o creare salse, unirlo a preparazioni salate e dolci (per plumcake magari..) insomma spazio alla fantasia! Ultima cosa che mi piace (ultima ma, secondo me, molto importante) il prezzo: decisamente equilibrato per la categoria, e ottimo rapporto qualità prezzo! Di sicuro il preferito del momento. Della stessa marca mi piacciono anche altri prodotti, ad occasione, presto una recensione in merito 🙂

Per chi vuole approfondire, come sempre, lascio il link al sito ufficiale della Sojasun: http://www.sojasun.it/it/prodotti/alternative-vegetali-allo-yogurt/bianco-naturale-bifidus

Fede

 

Girasoli alle Verdure Grigliate_Scoiattolo pasta fresca (Belli e Buoni di Marco Bianchi)

Buonasera, oggi vi parlo di un prodotto che mi ha lasciato davvero entusiasta. Lo cercavo da tempo ma, ahimè, sembrava introvabile (della stessa marca trovato altri prodotti tranne questo) ma poi finalmente, giorni fa, tra gli scaffali di un Dpiù qualunque, persa nei pensieri del fare la spesa e di prendere tutto quello che mi serviva…. trovati!!

Sto parlando dei “Girasoli di Verdure Grigliate della Scoiattolo pasta fresca” tratti da “Belli e Buoni di Marco Bianchi” . Cosa dire? Da dove cominciare??? Allora innanzitutto parto dal fatto che la confezione (oggi fa figo dire packaging) è davvero esplicativo e immediato: come tante paste fresche è trasparente così da vedere subito il prodotto e visionarlo in base a quanto indicato sulla confezione ( e questo prodotto ha un bell’aspetto sia davanti che sotto la confezione, cosa non ovvia! Il logo del marchio è in alto a destra, la foto di Marco Bianchi è grande (ma non troppo invasiva così da non risultare solo lui come soggetto del prodotto) ma soprattutto ci sono scritte evidenti delle cose fondamentali: che è un prodotto senza lattosio e senza ovoprodotti (quindi adatti a Vegani) , ma soprattutto una cosa innovativa (almeno per me) che si possono preparare in padella, e sono pronti in 5 minuti (cosa che ho fatto io.)  Gli ingredienti sono ovviamente di tutto rispetto, e finalmente (e lo sottolineo) questo è un prodotto che non mi fa storcere la bocca o passare sopra (a volte a malincuore) su nessun, e dico nessun ingrediente. Questa pasta fresca è realizzata con Grano Saraceno e curcuma (due super ingredienti), semola di grano duro, patata. Nel ripieno: zucchine grigliate, melanzane grigliate, peperoni grigliati, pomodori secchi, cipolla, olio d’oliva, prezzemolo, acqua, sale. Dico subito che quanto è riportato negli ingredienti e quanto è davvero visivamente palese nell’aspetto di questi girasoli: la pasta ha una sfoglia di colore ambrato con i classici puntini tipici della farina di Grano Saraceno. Se messa in controluce si vede davvero il ripieno (e non un agglomerato o una qualcosa di frullato). Al tatto e anche il profumo è tutto suo, un prodotto che da subito vi fa capire che si tratta di qualcosa di “diverso”.  Io ho seguito le istruzioni sulla confezione per la cottura in padella (volevo provare proprio quella enfatizzata a fronte della confezione. Ovviamente ci sono le istruzioni anche per la cottura tradizionale.).  Ho usato una padella abbastanza capiente e larga tanto da far stare i girasoli belli stesi e che impedisse che si sovrapponessero. Ho messo sul fondo 200ml di acqua, sale, e un filo di olio (come da istruzioni), ho aspettato che l’acqua grillasse e ho adagiato i girasoli coprendoli con il coperchio. Dopo pochi minuti ho sollevato il coperchio e ho agitato un po’ la padella e ho aspettato che si ritirasse tutta l’acqua sul fondo continuando a girarli con la padella o aiutandomi delicatamente con una spatolina. Eureka! Non solo dopo pochissimi minuti i Girasoli erano pronti (forse più 6/7 minuti che 5 indicati, ma questi sono dettagli…) ma soprattutto non si sono sfaldati, né aperti, non hanno quindi perso ripieno e cosa fondamentale.. hanno tenuto la cottura! Io volevo testarne davvero la resa, quindi li ho mangiati al naturale proprio con un filo di olio e salvia. Volevo testare l’impasto e il ripieno. La cottura, come dicevo, la tengono perfettamente e, grande sopresa, una volta tagliati a metà per vederle il ripieno vi si presenta davvero un tripudio di verdure ma non frullate sono tagliate tutte grossolanamente tanto che io a occhio nudo ho riconosciuto subito: peperone e melanzana. Il gusto è davvero pieno, tondo e particolare. Di paste vegane, per intolleranti o comunque senza uova neho provate tantissime ma questa…le batte tutte! Le batte per sapore, consistenza, qualità degli ingredienti sia della pasta che del ripieno e per cottura! Sono rimasta davvero stupida, mi sono davvero piaciuti, e altra cosa che mi ha davvero sorpreso è stato il prezzo: 2,49 euro  la confezione. Se consideriamo che prodotti analoghi possono arrivare a prezzi molto più alti rispetto alla pasta fresca tradizionale….
Unica pecca, e mi duole sottolinearlo, ma è così: per me è stato molto difficile trovarli. Ho cercato in vari GDO e nella grande distribuzione e la marca “scoiattolo” compariva però in diversi prodotti, ma questi legati al progetto con Marco Bianchi li ho dovuti scovare. Spero davvero che prendano sempre più piede e forniscano sempre più punti vendita.

Se vi capita di trovarli, provateli: non rimpiangerete la pasta fresca, proverete qualcosa di nuovo e sano, senza rinunciare minimamente al gusto! 🙂

Per chi vuole approfondire, come sempre, lascio il link al sito ufficiale di Scoiattolo Pasta Fresca: http://www.loscoiattolo.it/category/prodotti/05-armonia/

Fede

 

Balsamo Labbra Idratante_Vivi Verde Coop

Ok, lo ammetto. Ho una “leggerissima” dipendenza dai balsami labbra o burri cacao che dir si voglia! Li a-do-ro!  Sin da quando ero bambina. Ovviamente mi piace che siano con inci più verde possibile e con ingredienti naturali. Ne provo tantissimi, ovviamente ho i miei preferiti, e ne avrò sicuramente uno in ogni borsa sparso, pochette, o cappotto che sia (a seconda della stagione!). Posso dire di non essere patita di rossetti o make up come lo sono per i balsamo labbra! Mi piacciono neutri, colorati, perlati…insomma basta che non abbiano paraffina  o altre sostanze dannose all’interno degli ingredienti..e sono miei !!!

Oggi, per la sezione “I like it!” vi faccio la mia recensione sul Balsamo Labbra Idratante della Vivi Verde Coop. Devo dire che i prodotti Vivi Verde li trovo davvero buoni, e soprattutto per il prezzo che hanno non deludono mai! Parlando del balsamo labbra devo dire che è ottimo! Ottimo è dire poco. Innanzitutto, comprando da anni e anni balsami labbra di svariate marche, artigianali o autoprodotti,  posso dire quale sia l’effetto che sicuramente non mi piace di un burrocacao: non deve essere oleoso (secondo me) nel senso che non deve lasciare quel film lucido, appunto oloso e scivoloso sulle labbra che non nutre affatto ma serve solo temporaneamente a dare quel lucido alle labbra che  finisce sempre per trabordare dal contorno labbra facendoti sembrare come se avessi preso un insolazione! Quindi preferisco che un burrocacao sia morbido, confortevole, scivoloso e che renda realmente le labbra morbide, dalla prima applicazione. Questo balsamo labbra della Vivi Coop è abbastanza morbido da stendere ma quello che mi piace di più è sicuramente la sensazione di morbidezza e idratazione che lascia sulle labbra. E non solo per la prima mezzora di applicazione, è davvero durevole. E’ protettivo e idratante sul serio come promette e devo dire che la sua consistenza sia al tatto che sulle labbra è davvero piacevole (alcuni burri cacao invece sono un pò più solidi!). Mi piace che aiuti la rigenerazione, perché l’ho provato anche in pieno inverno con le labbra parecchio secche dal vento e freddo (si, oltre ad essere appassionata di balsami labbra, le mie labbra di certo non aiutano.. si screpolano come niente! 😦   ). Inoltre ha un inci perfetto, è ovviamente senza petrolati o altri ingredienti che non voglio sicuro siano presenti in un balsamo labbra che mi rimane sulle labbra a lungo e che potrebbe finire in bocca, denti e gola..

Il prezzo, come tutti i prodotti Vivi Verde Coop è stra interessante (poco più di 2 euro) quindi.. Promosso!

Vi lascio, ovviamente, il link diretto al sito Vivi Verde Coop per info dettagliate e precise sulla composizione e tutto il resto: http://www.e-coop.it/web/guest/trattamento-viso1

Crema Viso ALOE_Equilibria

Ciao a tutti, oggi voglio parlarvi della Crema Viso all’ALOE di Equilibria. Si, so di averlo già detto, ma i loro prodotti li adoro davvero, presto infatti ne recensirò altro o deciderò se fare un post sui miei loro prodotti preferiti 🙂

Torniamo a parlare della Crema Viso ALOE, ovviamente la compro da diverso tempo e devo dire che estate o inverno che sia mi piace davvero tanto. Io non sono una tipa da creme. Nel senso che non mi piace affatto stare sempre a massaggiare aspettando che il prodotto sia stato assorbito, e poi, per senso tattile, prediligo i gel, le consistenze fresche, non appiccicose e che non creino veli sulla pelle o comunque che non impieghino molto ad assorbirsi. Ci sono prodotti che portano a soffermarsi quel minuto in più per prendersi cura di sé ma non gradisco che sia la regola dei miei prodotti di skincare.  Quindi prediligo prodotti che abbiano queste caratteristiche: ottimo inci (sapete che sono molto accorta a cosa mi spalmo sulla pelle e penso che le persone dovrebbero considerare di più quello che usano per lavarsi, detergersi e spalmarsi addoss0, almeno tanto quanto quello che si mettono in bocca da mangiare).

Questa crema quindi non delude affatto le mie aspettative ed esigenze. Come ho detto, ho comprato anche altri prodotti della linea ALOE di Equilibra e devo dire che questo prodotto è fatto molto molto bene. Partiamo dagli ingredienti: ha una buona parte di Aloe all’interno (il 40% – che nell’inci occupa il primo posto quindi vuol dire che nella crema è l’ingrediente primario. Ottima cosa: già primo elemento che vuol dire che mantiene quello che promette). All’interno c’è anche Olio di Mandorle Dolci (anche questo in buona quantità, nell’inci è in terza posizione) e cosa assolutamente da valutare (non solo per chi vuole prodotti con inci verde o di bio cosmesi – o cosmesi naturale che dir si voglia – ma anche da sapersi) la crema è senza parabeni, petrolati, PEG e senza profumazioni. Non voglio dilungarmi sulla parte (davvero valida) della composizione del prodotto,  il suo uso, perché per quello, come sempre, vi rimando al sito di Equilibra dove trovate anche la giusta descrizione del prodotto: –> http://www.equilibra.it/product/264/aloe-crema-viso

Piuttosto vorrei condividere quello che io penso di questo prodotto: ho parlato della composizione e del brand, quello che forse c’è ancora da far presente è che: questa crema ha una consistenza che può sembrare pastosa o carica ma che poi, in realtà, a contatto con la pelle, si trasforma subito diventando molto scorrevole, fresca e per nulla pesante. Inoltre ne basta davvero poca per idratare tutto il viso tanto è scorrevole e fluida! La sensazione che mi ha lasciato sulla pelle è sempre di: idratazione, freschezza e  una cosa che (so che può piacere o meno) è che non ha fragranze fastidiose o invadenti. Ultima, ma non meno importante (anzi), valutazione da fare è il prezzo. Equilibra ormai si trova davvero in tanti punti vendita di grande distribuzione e ipermercati, le offerte non mancano mai e devo dire che anche non è in offerta la trovo comunque competitiva anche per il prezzo di vendita rispetto ad altre creme, altrettanto valide, sul mercato.

Ottima insomma, promossa! Direi assolutamente: I Like It!

Fede