Muffins Salati di Verdure

contest-conqui

Ciao a tutti, con questa ricetta accolgo (molto volentieri!) l’invito di Ilaria a partecipare al 2° contest del suo blog Ricette da coinquiline ( trovate tutte le info per partecipare QUI ).  L’idea è davvero carina: ricreare un piatto pubblicato tra le tante categorie del suo blog, anche modificandolo o usando ingredienti per intolleranze o specifici. Ecco quindi la mia ricetta per il contest: mi sono ispirata ai suoi Muffins Salati con Feta e Olive e li ho ricreati con le verdure ma in versione Vegan! Ovvero :

  • Senza Uova
  • Senza Latticini

Si tratta quindi di Muffins Salati con Verdure, Olive e Formaggio Vegetale! Potete utilizzare tutti gli ingredienti che propongo oppure ispirarvi alla ricetta e utilizzare quelli che preferite, come sempre sapete che il mio è solo uno spunto che propongo. Passiamo quindi agli ingredienti:img_7566

  • 1 Zucchina piccola
  • 1 Cipollotto Rosso piccolo
  • 6 Olive verdi denocciolate 
  • 3 cucchiai Farina di Ceci
  • 1 o 2 cucchiai Farina Integrale
  • 1/2 cucchiaino di Lievito istantaneo per torte salate (tipo Pizzaiolo)
  • 2 cucchiai Olio Evo
  • Acqua tiepida (q.b.)
  • Formaggio Vegetale ( io ho usato la Chicca della Verys)
  • Sale e pepe q.b.

>>>>>>>>> Tips : >>>>>>>>>

 -> Le dosi fornite sono indicative e del tutto soggettive perché dipende tutto dal quantitativo di verdure che inserite nella vostra ricetta ( e di conseguenza anche le dosi di farina di Ceci e di Farina integrale) quindi dovrete regolarvi sia con le verdure che soprattutto con la dose di acqua utilizzata ( in quanto è fondamentale perché deve amalgamare il tutto). Per aiutarvi posso dirvi che dovete partire da quanti muffins volete realizzare: se utilizzate una grande zucchina di conseguenza dovrete dosare tutti gli altri ingredienti per bilanciarli, questo per evitare che abbiate un impasto o troppo asciutto o troppo liquido. Prendete sempre come riferimento l’impasto classico di quando preparate i muffins; cremoso, spugnoso, non troppo liquido ma nemmeno duro o secco! Io, ad esempio,  ho usato una zucchina piccola e sottile, un cipollotto rosso piccolo e 6 olive verdi, circa 70/80gr di acqua tiepida per 3 cucchiai di farina di ceci e 1 di integrale, e 20gr di olio evo. Ma regolatevi sempre, anche in base all’umidità delle verdure utilizzate, per dosare i liquidi e la farina: calate la dose se eccessiva o aggiungete se l’impasto è troppo secco!!! il tutto fatelo mescolando e aggiungendo poco alla volta tutti gli ingredienti, così da regolarvi strada facendo.

-> Per il formaggio vegetale ho usato la Chicca della Verys, ne ho parlato tantissime volte sul blog, è un prodotto che adoro e che ciclicamente ricompro perché secondo me è davvero favoloso in queste preparazioni, ovviamente voi usate quello che preferite!

-> se non volete usare la farina di ceci, potete tranquillamente utilizzare solo la farina integrale, vengono squisiti comunque 🙂

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Procedimento:

  1. Con una una grattugia (il mixer apposito, o come siete abituati) grattugiate le zucchine. Affettate finemente il cipollotto rosso e le olive a pezzettini. Anche in questo caso la scelta del taglio delle verdure dipende anche dal risultato che vorrete ottenere: più grossolane per farle sentire maggiormente nel muffin, più sottili e fini se volete che si amalgamino nel composto.
  2. Tagliate anche il formaggio vegetale scelto a cubetti.
  3. In una terrina riunite tutte le verdure tagliate, le olive,  il formaggio vegetale tagliato, salate e speziate a piacere.
  4. Aggiungete ora l’Olio Evo (o scelto) e iniziate ad aggiungere, poco alla volta, la farina di ceci e quella integrale, alternando con l’acqua tiepida fino ad ottenere il composto cremoso classico dei Muffins. Mescolato il tutto aggiungete ora il lievito per torte salate istantaneo e continuate a mescolare bene. Ottenuto il tutto ora potrete versare l’impasto nei pirottini per muffins, o nello stampo apposito se lo avete.
  5. Devono cuocere in forno a 180° per 15/20 minuti (ma temperature e tempi di cottura sapete che variano da forno a forno, quindi ATTENZIONE!!)


Sono buonissimi appena sfornati ma anche freddi sono golosi e molto sfiziosi 🙂 Sperando che la mia idea vi piaccia, come sempre se la provate, fatemi sapere!

Alla prossima ricetta!

Fede

Annunci

Biscotti ARTEBIANCA: Fior di Riso & Senza Niente

Buongiorno e Buon Lunedì!!!!  Iniziamo la settimana con una recensione “dolcissima”, ovvero parlando di biscotti, buonissimi e di alta qualità, che conosco da molto tempo (e quindi acquisto ciclicamente) e che sono ormai sono diventati una scelta sicura quando voglio comprare qualcosa di assolutamente buono, sano e goloso!!

Sto parlando dei biscotti: Fior di Riso e SENZANIENTE della ARTEBIANCA Natura & Tradizione.  Questi biscotti dalla confezione, all’etichetta e dall’aspetto, parlando di qualità e sono fatti ovviamente con ottimi ingredienti. Partiamo dai Fior di Riso: si tratta di biscottoni a forma romboidale, spessi, fragranti e dal sapore davvero goloso. Sono fatti con farina di riso macinata a pietra e (cito dall’etichetta degli ingredienti) con un mulino a “pietre rotanti” (se volete saperne di più sui loro mulini e sulla produzione, sul loro sito c’è una pagina apposita dove ho trovato tutto spiegato in maniera molto esauriente), il resto degli ingredienti è altrettanto promettente e molto semplice: uova fresche in guscio,  zucchero, burro e agenti lievitanti (tra cui l’amido di riso).

Ovviamente CONTENGONO UOVA e LATTICINI (non c’è uso di latte, ma del burro) ma NON CONTENGONO:

  • OLIO DI PALMA
  • OGM
  • CONSERVANTI o COLORANTI
  • e sono adatti ai VEGETARIANI

Il loro sapore è unico, davvero. Li riconoscerei tra mille. La combinazione tra la farina di riso (Che si sente davvero e da una spinta importante al biscotto) e il resto degli ingredienti è davvero molto bilanciata. Finalmente questo è un biscotto che promette quando scrive: ovvero si parla di farina di riso, la si sente e “governa” tutto il sapore portando davvero il gusto a quello che recita l’etichetta, ovvero “fior di riso”. Sono ottimi da soli ma anche inzuppati (nel latte o nel thè, o in qualunque bevanda calda) sono ancora più buoni, a mio avviso. Mantengono la loro sostanz anche quando inzuppati e il sapore viene maggiormente sottolineato. Anche appena aperto il sacchetto il sapore che ne fuoriesce è assolutamente vicino al richiamo del “riso” e del buono. Mi piacciono tantissimo, dall’aspetto, alla confezione e all’etichetta tutto mi ricorda un prodotto artigianale, di qualità e che richiama i biscotti fatti in casa, magari dalle nonne o della tradizione e che già dall’aspetto (per non parlare del sapore) riporta indietro o fa sentire davvero tutto il gusto di “un biscotto”.  Io li trovo in due grandi supermercati (ahimè però non trovo l’intera gamma che invece vorrei provare di volta in volta! voglio informarmi meglio) e devo anche sottolineare che il rapporto qualità prezzo sia davvero onesto e valido, anche rispetto a tanti concorrenti sul mercato, per quantità e ingredienti (circa).

Passiamo ora ai biscotti che mi hanno davvero stupito e conquistato, dal sito dell’azienda ho saputo che fanno parte della Linea Benessere che comprende tutti prodotti o: SENZA FRUMENTO, o SENZA LATTE e SENZA UOVA o SENZA ZUCCHERO. In questo caso vi parlo dei biscotti SENZANIENTE che sono, secondo me, il “top”  di questa categoria  per ingredienti utilizzati e per lo studio negli ingredienti utilizzati che per la tipologia di usi che abbracciano tantissime tipologie di clienti, ovvero sono:

  • SENZA FRUMENTO
  • SENZA LATTE
  • SENZA UOVA
  • SENZA ZUCCHIERI AGGIUNTI
  • adatti a VEGANI e VEGETARIANI

Il nome di questi biscotti non poteva esser più azzeccato e giusto inoltre hanno una bellissima forma a cuore che li rende anche molto carini da vedere. Lo so che vi starete già chiedendo di cosa “caspita” sono fatti questi biscotti, e vi rispondo subito dicendo che: sono fatti con Farina di Riso e di Grano Saraceno macinati (sempre citando l’etichetta ingredienti) con un piccolo mulino a pietre rotanti (anche per questo approfondimento vi rimando al link citato poco sopra sul sito dell’azienda), Maltitolo, Fecola di Patate, succo di ananas, olio di Cocco, Amido di Riso e agenti lievitanti. Praticamente ho trovato questi ingredienti assolutamente “geniali”! L’uso della Farina di Riso, così delicata e fine, abbinata al grano saraceno, e agli amidi scelti (fecola di patate e amido di riso) non solo escludono l’uso del frumento ma rendono il biscotto assolutamente friabile e per niente troppo duro.  L’uso del maltitolo elimina quindi l’uso degli zuccheri e inoltre l’olio di cocco e il succo di ananas gli danno gusto e profumo. Finalmente un biscotto di questa categoria che non sa soltanto di olio o non è duro come il ferro da mangiare! Sono ottimi. Il sapore è il profumo di questi biscotti è fantastico, molto particolare e davvero davvero unico: non c’è un sapore che prevale sull’altro, tutti gli ingredienti sono perfettamente amalgamati tra loro e molto ben bilanciati. Inoltre : NON CONTENGONO OLIO DI PALMA, OGM, CONSERVANTI e COLORANTI. Che dire? Che altro aggiungere??  Io direi assolutamente nulla se non che intendo acquistarne sicuramente altri sia della linea “Benessere” sia dei prodotti Classica, così come sono curiosissima di provare anche tutti gli altri prodotti della ARTEBIANCA.

Come sempre vi lascio il link  per approfondire sui SENZA NIENTE e sui Fior di Riso  (basta cliccare sui nomi dei biscotti e vi si aprirà direttamente la pagina al sito della ArteBianca!)

Buon inizio settimana e alla prossima recensione!

Fede

Torta Soffice Marmorizzata

I dolci non sono il mio forte. Assolutamente no. Li faccio (o almeno ci provo) ma.. ehm.. non sono la cosa su cui punto per fare bella figura. Eppure… eppure, ogni tanto, ci sono ricette che “riescono”. E danno anche dei risultati fenomenali! Come questa torta che sto per condividere con voi, si tratta infatti di un semplicissimo ciambellone (chiamiamolo così), ottimo per la colazione, merenda o quando volete e leggero, ma buonissimo!

Una ricetta super facile, super veloce e :

  • Senza latte
  • Senza burro
  • Senza uova
  • Vegan

 

 

Le dosi che vi do sono per una tortiera da 20-22cm (max), passo quindi a elencarvi gli ingredienti:

  • 125gr di Yogurt di Soia (o altro vegetale, a piacere)
  • 150gr di Zucchero di Canna
  • 60gr di Olio di Semi
  • 250gr di Farina
  • 150gr di Latte Vegetale ( o Acqua)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 2 cucchiai di Cacao Amaro

>>>>>>>>>>>>>>>>> Tips : <<<<<<<<<<<<<<<<<<

-> per lo Yogurt potete usare quello che preferite, dolcificato o al naturale, a gusto personale.

-> La Farina: io uso sia quella di Farro, oppure Integrale, o una fiore di farina (macinata a pietra) non eccessivamente raffinata. Ottimo anche con la farina di riso miscelata insieme ad una farina glutinica. A voi la scelta 🙂

-> La dose di latte vegetale (a scelta potere usare quello che preferite tra: Soia, di Riso, Avena, ecc….) oppure, se non volete usare il latte vegetale, sappiate che è ottimo anche con l’Acqua.

-> Abbiate sempre l’accortezza di sciogliere bene lo zucchero di canna con gli altri ingredienti, e mescolate molto bene il composto (non dovendo lavorare ingredienti classici come uova, o burro, sappiate che la lavorazione per questi impasti..è tutto!)

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Procedimento: In una terrina uniamo lo yogurt, lo zucchero e l’olio e mescoliamo bene, fino a cercare di sciogliere tutto lo zucchero. In alcuni casi, e in base anche ad alcune marche di zucchero e latte vegetale, io, ho scaldato leggermente latte vegetale e zucchero insieme per facilitarne lo scioglimento e far sì che si amalgamassero meglio con il resto degli ingredienti. Tornando a noi quindi mescoliamo: yogurt, zucchero e olio di semi insieme, fino ad ottenere una sorta di crema, abbastanza liscia. Unite ora la farina, il lievito per dolci e il latte vegetale (o l’Acqua). Mescolate bene tutti gli ingredienti. Ora, in una teglia con carta forno (o in base a come siete abituati: imburrata di margarina e farina), versate 3/4 di impasto, la rimanente parte lavoratela velocemente con i 2 cucchiai di cacao amaro indicati nelle dosi, fino ad ottenere anche in questo caso un impasto soffice  e senza grumi (se setaccerete le farine e il cacao, il risultato sarà ancora più ottimale). Ora finite di versare anche la parte di impasto al cacao, creando così il classico binomio tra impasto bianco e nero al cioccolato che in cottura diventerà appunto “marmorizzato”. Infornate a forno caldo, statico, a 180° per 30 minuti (ma i tempi di cottura, così come la temperatura, variano da forno a forno!!! attenzione!!!)

E’ ottima farcita con marmellata, creme, cioccolato, semplice come l’ho preparata io, arricchita con frutta secca o gocce di cioccolato..le varianti sono mille e la fantasia non ha limiti. Ottima nel latte caldo, per accompagnare il thè.. quando volete. Sofficissima, morbida, deliziosa… leggerissima… e.. nuova. Questo dolce stupirà per la sua semplicità e bontà!

Alla prossima ricetta, buon weekend!!!

Fede

 

Domeniche uggiose di un Autunno alle porte..

Buon Lunedì!! Questa appena trascorsa è stata una domenica uggiosa, di quelle che ti fanno capire che l’Autunno è arrivato e che ha tutte le buone intenzioni non di annunciarsi ma di far sentire da subito la sua presenza. Ecco che quindi si torna a cucinare i piatti della domenica e ci si mette più volentieri ai fornelli o davanti al forno. La domenica in fondo è fatta anche di questo: relax, cibo della compagnia, del pranzo in famiglia o meno e di quelle preparazioni “speciali” che ti fanno staccare dai pranzi e cene settimanali e ti fanno sentire più “ a casa”, più in relax (come dicevo) e meno di corsa (questo ovviamente per chi ancora oggi può trattare la domenica come vada trattata e non come un giorno lavorativo, ma questo è un altro discorso…sono tempi moderni i nostri, di cambiamenti e stravolgimenti ed è anche giusto ricordare che non per tutti la domenica è considerata sempre domenica, ma è l’ennesimo giorno lavorativo che ruota su turni o su una turnistica lavorativa dove un giorno feriale, può diventare, la tua domenica. Ma come stavo dicendo..questo è un altro discorso…). Quindi …. per il pranzo di oggi… pasta frescaaaaaaaaa!!!   Ma … non ho utilizzato una pasta fresca tradizionale, questa volta ho voluto provare una pasta fresca sì di semola ma:

  • Senza Latticini
  • Senza Uova
  • Vegan (adatta quindi anche a Vegetarani)

img_5716

si tratta degli  Agnolotti Vegan con Tofu ed Ortaggi della Verys . Una vera bontà (potete leggere la mia recensione QUI ). Per chi volesse approfondire potete trovare maggiori informazioni sul sito Verys e sulla loro pagina facebook .

img_5718Come li ho preparati???? 

Innanzitutto ci tengo a sottolineare che sono talmente buoni che anche solo con un filo di olio Evo sono già ottimi così, ma per questa ricetta ho voluto provare una crema di peperone dolce e panna di soya, che ho preparato mentre l’acqua per i ravioli raggiungeva il bollore (quindi anche una ricetta molto veloce, sprint e…con un grande risultato, soprattutto se dovete preparare un bel piatto all’ultimo minuto e volete fare innanzitutto bella figura e portare in tavola comunque qualcosa di ottimo ma…veloce! What else?? )

 

Ingredienti per la salsa:

  • Peperoni verdi dolci
  • Cipollotto
  • Panna di soya

Procedimento: Molto semplicemente, mentre l’acqua per gli Agnolotti Verys raggiungeva il bollore, ho tagliato il peperone verde dolce (mi raccomando, io ho usato la tipologia di peperone dolce, se volete usare la classica come preferite ma avrete un altro sapore!) e un pezzetto di cipollotto e li ho messi in una padella con un filo di olio e qualche cucchiaio di acqua della cottura degli Agnolotti (per evitare che friggessero!) e ho lasciato che si cuocessero ammorbidendosi. Io ho utilizzato 2 peperoni dolci (sono di dimensioni piccole ma lunghi)per tutta la confezione da 250gr di Agnolotti Vegan Verys e metà di un cipollotto medio. Ho leggermente salato il condimento e aspettato che si ritirasse l’acqua aggiunta per la cottura e le verdure appassissero in cottura. Una volta pronti peperoni e cipollotto, ho aggiunto qualche cucchiaio di panna di soia (non siate abbondanti perchè rischiate di coprire i sapore, io voglio solo rendere la salsa di peperone dolce cremosa senza coprire il sapore di questa pasta fresca ed il suo ripieno! Quindi non esagerate con la dose di panna secondo me!!). Se non volete utilizzare quella di Soya, utilizzate quella vegetale che preferite. Una volta aggiunta la panna di soya ho frullato il tutto per ottenere una crema, ho scolato subito gli Agnolotti Verys e li ho subito tuffati nel loro condimento. Delicatamente ho mantecato il tutto e servito caldissimo. Una bontà.. davvero. Diciamo pure che il piatto mi è piaciuto talmente tanto da farmi distaccare dal clima esterno e farmi per qualche istante dimenticare che ero rimasta male della mancata passeggiata che pensavo di fare, dato che ormai si era scatenato il diluvio!!!!!!!!!

img_5717

Purtroppo la domenica è rimasta così per tutta la giornata e nonostante sia stata una giornata casalinga e di relax posso dire alla fine che non sia stata poi così male perché mi ha permesso di fare molte cose, di organizzarmi per la settimana e di sistemare tutte quelle cose che magari uno rimanda e rimanda senza mai portare a termine…. non tutti i mali vengono per nuocere direi… no????

Alla prossima ricetta 🙂

Fede

Frollini Integrali Biologici_AlceNero

Buonasera!!!!!!!!!!!! Oggi una recensione dolce: dei biscotti integrali buonissimi, che adoro e con davvero ottimi ingredienti.  Sono i FROLLINI INTEGRALI Alce Nero

img_5503
questi biscotti sono:

  • Biologici
  • Vegani
  • Senza Latticini
  • Senza Uova
  • Integrali

Partiamo subito con l’analizzare gli ingredienti: i piacciono tutti (e dico davvero tutti, nessuno escluso e penso che siano i pochi biscotti che compro periodicamente,e scelgo sempre tra pochissime altre marche. Innanzitutto perché gli ingredienti sono pochi, chiari e tutti davvero inerenti ad una ricetta biologica, sana e poi sono fatti realmente con farina integrale – e non parlo di una piccola quantità rispetto ad altre farine aggiunte ma, e riporto testualmente gli ingredienti dalla confezione:

Farina integrale di frumento* (farina di frumento*, cruschello di frumento*) (61,9%), zucchero di canna*, olio extra vergine di oliva* (13%), amido di frumento*, sciroppo di riso*, agenti lievitanti (carbonati di ammodio, carbonati di sodio), sale. *Biologico

infatti c’è solo farina integrale e cruschello di frumento). Proseguendo, sempre analizzando gli ingredienti, mi piace l’uso dello zucchero di canna biologico (come da  asterisco), l’Olio EVO (che magari in alcuni momento può sembrare sia “invadente” nel sapore ma si sposa perfettamente con tutti gli atri ingredienti e ultima (ma per nulla meno importante, anzi!!) cosa che mi ha piacevolmente stupito: è l’uso dello sciroppo di riso che ci tengo a sottolineare che davvero non si trova in tanti biscotti in commercio!

img_5504Non mi hanno colpito solo per ingredienti e sapore (anche se, secondo me, sarebbero già parametri ampiamenti sufficienti per deciderne l’acquisto – o il riacquisto – di un prodotto) ma soprattutto per la qualità con cui vengono prodotti e viene segnalato bene e chiaramente sulla confezione: mi piace che venga specializzato che quasi tutti gli ingredienti siano biologici ( e non solo uno su dieci), mi piace che la farina che viene utilizzata per produrre questi biscotti sia specificato che proviene da grano coltivato in Italia, e che (sia per un discorso etico, alimentare, di intollerante…etc…) siano fatti senza nessun ingrediente di origine animale così da accogliere tutti coloro intolleranti al lattosio, alle uova (anche se viene fatta comunque una specifica in merito agli allergeni e al fatto che potrebbero contenerne tracce!)  e ovviamente, per un discorso etico, permetta di includere anche i vegetariani e vegani in primis!!

Il sapore è molto rustico, e rispecchia a pieno gli ingredienti usati: la farina integrale è presente nel suo sapore, così l’uso dell’Olio EVO – che però come dicevo prima non stona e non è eccessivamente forte – e non sono nemmeno eccessivamente dolci, tipico dell’uso dei dolcificanti naturali come lo sciroppo di riso.

Li adoro a colazione, li uso spesso in molte preparazioni dolci …insomma davvero un ottimo prodotto in vendita, fatto bene e con ingredienti da 10 e lode. Super promosso!!
Come sempre, come tutti i prodotti di cui vi parlo vi lascio il link al sito ufficiale di ALCE NERO   se volete approfondire o conoscere meglio i loro prodotti (impossibile non conoscere Alce Nero!!) 😀

img_4373
Alla prossima recensione!!!!

Fede

Tortini di Tofu, Cioccolato e Cocco

Stasera una ricetta veloce e pratica per andare in contro anche al caldo di questi giorni senza però rinunciare a sfizi o in questo caso la coccola della domenica mattina!
Ricetta:

  • Senza Latte o Burro
  • Senza Uova

Sono dei tortini di Tofu, Cioccolato e Cocco! Velocissimi da preparare, leggeri e… Si cuociono in un lampo bel microonde quindi.. Niente sauna con il forno tradizionale!! Gli ingredienti per preparali sono:

  • 60gr di Tofu
  • 1 cucchiaio di Zucchero di Canna (quello che preferite, oppure Stevia, dolcificante… In base ai vostri gusti o esigenze alimentari)
  • 2 cucchiai di farina di avena
  • 1 cucchiaio pieno di cacao o farina di carruba (io ho usato la farina di carruba)
  • Cocco disidratato
  • 1 cucchiaino pieno di lievito per dolci
  • *2 cucchiai di latte (anche qui a piacere: io usato io latte di riso ma potete usare: latte vaccino, vegetale oppure semplice acqua ) ho messo l’asterisco perché occorrono solo se impasto risulta troppo secco o duro.

Io dentro ho messo cocco disidratato anche sopra per intensificare il sapore. Le dosi sono a piacere e gusto: io ne avrò messo mezzo cucchiaio scarso nell’impasto e una spolverata sopra.

Il Procedimento è facilissimo: in una piccola ciotola (date le quantità) sono partita dal Tofu (è importante sua del tipo Firm ma molto morbido (non tipo panetto) ma soffice di modo che con la forchetta lo si schiacci per ottenere una crema. Poi ho aggiunto lo zucchero e ho mescolato bene per far amalgamare e sciogliere lo zucchero nel Tofu. Poi ho aggiunto la farina di avena e la farina di carruba (o cacao), il lievito per dolci e per ultimo il cocco disidratato. Ora sempre mescolando valuto se l’impasto ottenuto è secco o duro e necessita di liquido ( i due cucchiai di latte vegetale o acqua indicati o meno). Dovrete ottenere un impasto classico da dolcetto: soffice, non liquido e non duro. Li ho cotti in degli stampi in silicone monoporzione per tortini bassi in microonde.
Cottura: 4/5 minuti a 750w (sarebbe la mia massima potenza nel microonde) FATE SEMPRE ATTENZIONE AI TEMPI DI COTTURA E TEMPERATURE!! Ogni forno è a sè nn mi stancherò mai di segnalarvelo!!
Una volta pronti li ho tolti subito dallo stampo in silicone e messi alla rovescia per far asciugare il vapore del microonde che altrimenti li renderebbe troppo umidi sul fondo. Dopo pochi minuti sono asciutti anche sotto e li riporto in posizione. Nn mangiateli subito, sono ottimi. Consiglio di non mangiarli subito, se resisterete e aspetterete, secondo me, almeno un’oretta (o come nel mio caso, il mattino dopo.) mi saprete ridire 😎

Buona Domenica,

Fede

Crackers Integrali di Segale e Grano Saraceno 

Ciao a tutti, sono tornata con una nuova ricetta, per la precisione i miei crackers Integrali di Segale e Grano Saraceno. Anche questa ricetta la possiamo mettere nella sezione “SENZA” perché è :

  • Senza Latticini
  • Senza Uova
  • Senza derivati animali (quindi VEGANI)img_2426

Questa è la mia versione di crackers integrali. Le dosi ovviamente sono simboliche e come sempre possono essere raddoppiate, riviste, o si può cambiare tipo di farina. Insomma, come sempre, come volete! Il mio, come sapete, è solo uno spunto: un condividere quello che faccio dato che, alla mia famiglia, piace molto.

Per questi crackers ho scelto di usare la farina integrale, segale e grano saraceno.  SPECIFICO COMUNQUE CHE QUESTI CRACKERS CONTENGONO GLUTINE. Parto con il dire che adoro la farina integrale. Da diverso tempo (parlo ormai di quasi 2 anni) non dico di usarla esclusivamente, ma quasi. Diciamo che è la prevalente di moltissime ricette. Questo perché adoro lavorare su materie prime non raffinate e mi piace moltissimo il sapore che da agli impasti in pizze, focacce, pane (ovviamente) … Ma anche nei dolci!!  Si, mi piace molto…. Lo avevo già detto?!??! Ovviamente deve essere di buona qualità, totalmente integrale e macinata bene. Ne va della riuscita dei vostri preparati.
La farina di Segale è un altra farina che mi piace tantissimo usare perché: contiene poco glutine, è ricca di fibre, ha un basso indice glicemico … E tanto altro. Vi invito ad approfondire i benefici di questa farina dove ritenete opportuno, purché siano fonti attendibili e certificate.
Infine ho unito all’impasto anche la farina di Grano Saraceno che è naturalmente priva di glutine, ricca di sali minerali, molto utile per chi soffre di pressione alta o deve tenere sotto controllo il colesterolo. Anche su questa farina, se non la conoscete, vi consiglio di approfondire. Il mondo non è fatto solo di farina 0 oppure 00 😉
Quindi veniamo a noi, per questi crackers ho usato:

  • 100gr farina integrale
  •  50gr farina di segale
  •  50gr farina di grano saraceno
  •    2gr lievito secco di birra*
  • 100gr Acqua*
  • 1/2 cucchiaio di olio di soia*
  • Sale q.b.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Tips : <<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

(*): il lievito potete anche non metterlo, é a piacere. Senza verranno più croccanti e rigidi ( io spesso non lo metto). Acqua : é indicativa, ogni farina ( a seconda del tipo e della marca) assorbe più o meno acqua quindi aggiungetene sempre poca alla volta. L’olio anche qui é opzionale: si può mettere solo nell’impasto, solo in superficie prima della cottura, ometterlo… Sempre a scelta!  Come sempre potete sbizzarrirvi anche con le Spezie, ovviamente a piacere e a gusto. Io in questa versione non ne ho messe.

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Procedimento: In una terrina ho unito le farine, ho fatto una sorta di fontana al centro dove ho sciolto il lievito con poca dell’acqua indicata e un pizzico di zucchero ( io uso quello di canna). Mescolando ho continuato a versare acqua fino a che non si adensa. Ho lavorato diversi minuti l’impasto con le mani e messo a riposare per almeno 1 ora (o fino al raddoppiamento!). Poi ho steso l’impasto in una sfoglia sottile (anche qui va a piacere, se più o meno alti) e con una rotella per pasta fresca ho creato le linee verticali e poi orizzontali per creare i crackers.  Con i rebbi di una forchetta ho fatto i classici buchini che ci sono nei crackers in commercio. A piacere ora, prima di cuocere, si possono salvare in superficie, mettere spezie o olio. Vanno cotti  in forno a 200 gradi  ( io uso il forno ventilato) ma come sempre regolatevi, ogni forno é a sé quindi tempi di cottura e modalità di forno variano.
Sono leggeri, croccanti, sani, adatti a chi è intollerante ai latticini, a chi è Vegano o Vegetariano. SPECIFICO COMUNQUE CHE QUESTI CRACKERS CONTENGONO GLUTINE

A presto,

Fede